Verso una Green Economy per l’Acqua

13 maggio 2010
09:00a20:00

acquaIl 13 Maggio a Roma, l’evento di lancio del progetto Life+ WATACLIC, per diffondere sistemi di gestione sostenibile dell’acqua in casa e in città

La questione della gestione pubblica o privata dell’acqua infiamma il dibattito politico. Ma tutti sappiamo che le reti idriche italiane, indipendentemente da chi le gestisca, fanno acqua da tutte le parti (la perdita media è del 37% con punte superiori al 50%). Pochissimi però sanno che ancora oggi la maggior parte del carico inquinante sulle acque è di origine urbana e che, nonostante la realizzazione di migliaia di depuratori, la gran parte dei fiumi italiani non raggiunge il “buono stato” che, secondo la Direttiva quadro sulle acque (numero 60 del 2000) dovrà essere raggiunto entro il 2015. Ancora meno conosciuto è il dato dei consumi idrici domestici, al netto delle perdite, che nelle città italiane è mediamente di 200 litri giorno contro valori di 130-140 di città come Heidelberg o Saragozza.
Eppure applicando tecnologie vecchie e nuove come la raccolta della pioggia o il recupero di acque trattate per usi non potabili (come lo scarico dei WC) si potrebbero consumare meno di 100 litri/abitante/giorno, liberando miliardi di metri cubi per altri usi o per la salute di fiumi e falde.
Infine prelevare, potabilizzare, distribuire, raccogliere e depurare questi ingenti volumi d’acqua e di scarichi costa molto sia in termini economici che energetici: l’industria dell’acqua conta per circa il 2% del totale dei consumi energetici nazionali. In sintesi: ridurre i consumi domestici, le perdite e i prelievi idrici fa 3 volte bene all’ambiente:
· lasciamo più acqua in fiumi e falde
· produciamo meno inquinamento idrico
· consumiamo meno energia

Il progetto Life+ WATACLIC (Water Against Climate Change, www.wataclic.eu) si propone di far conoscere su tutto il territorio italiano approcci e tecniche che permettono un uso più razionale della risorsa idrica oltre che un minore impatto ambientale degli scarichi urbani. L’obiettivo ultimo è promuovere anche nel settore idrico quella innovazione (non solo tecnico scientifica ma anche culturale e amministrativa) che nel settore energetico sta rappresentando una formidabile leva per lo sviluppo economico.

L’evento di lancio del progetto, patrocinato dal Ministero dell’Ambiente e promosso da Regione Emilia Romagna, ANCI, CNA e ANEA è previsto a Roma il 13 Maggio 2010 (Hotel Artemide, Via Nazionale 22) e prevede 3 seminari “tecnici” alle ore 10.00 (rivolti ad Enti Locali e operatori dell’edilizia, Autorità d’Ambito, Enti Gestori) e alle 14.30 un dibattito pubblico con importanti esponenti politici e tecnici, sugli strumenti economici da adottare per promuovere la green economy dell’acqua.

Programma: www.wataclic.eu/index.php?option=com_content&view=article&id=8&Itemid=9&lang=it

Condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Twitter
  • Digg
  • Sphinn
  • Mixx
  • LinkedIn
  • MSN Reporter
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • Yahoo! Bookmarks
  • Print