NELLA FINANZIARIA TROPPI OSTACOLI ALLA RICERCA

comunicato stampa

Frascati Scienza chiede ai Ministeri competenti di sostenere l’innovazione scientifica che può aiutare il nostro Paese a uscire dalla crisi.

Roma, 7 giugno – Archiviato il taglio e l’accorpamento di alcuni enti scientifici, la Manovra licenziata dal Governo continua a preoccupare il mondo della ricerca. La Finanziaria 2011, passata ora alla fase di approfondimento nei ministeri competenti, prevede una riduzione consistente negli stanziamenti dei fondi per la ricerca e l’innovazione, limiti alle assunzioni, dimezzamento della possibilità di partecipare a missioni e turni nei laboratori internazionali, così come il taglio dei finanziamenti per la formazione del personale. Un insieme di interventi che non aiutano il sistema scientifico e depotenziano anche le possibilità produttive ed economiche necessarie a uscire dalla crisi. Frascati Scienza, l’associazione che raccoglie i maggiori istituti che operano nel polo scientifico di Frascati – uno dei più grandi a livello europeo – chiede al Governo di adoperarsi per sostenere la ricerca, uno dei motori più potenti di uscita dalla crisi.

Il neo-presidente dell’Associazione, il fisico Giuseppe Mazzitelli (Responsabile della macchina Tokamak FTU per le ricerche sulla fusione) afferma: “Pur riconoscendo la necessità, da parte del Governo, di rispettare le indicazioni europee sui bilanci delle singole nazioni, non ci può esimere dal manifestare tutta la preoccupazione per la ulteriore riduzione dei fondi destinati alla ricerca scientifica. La ricerca non è un optional ma è la base per lo sviluppo culturale ed economico del Paese Italia. Inoltre è fondamentale assicurare a tutti i giovani che hanno voglia ed entusiasmo ( e non sono pochi !) di potersi cimentare nel nostro Paese in laboratori all’avanguardia, tecnologicamente avanzati, senza dover andare all’estero”.

L’Associazione Frascati Scienza – da anni impegnata nella divulgazione scientifica in particolare con l’annuale appuntamento della Notte Europea dei Ricercatori, organizzata questo prossimo settembre in collaborazione con i principali enti di ricerca nazionale e con altre prestigiose istituzioni europee – rivolge quindi un appello al Governo e ai Ministeri che devono decidere nello specifico della destinazione delle risorse. “In un momento di crisi tutti devono fare la loro parte – chiarisce Mazzitelli – ma per uscire dalla recessione economica e sociale occorre valorizzare e sostenere al meglio le attività di ricerca”.

Nota per la stampa: Giuseppe Mazzitelli è stato chiamato da pochi giorni a presiedere Frascati Scienza: succede a Umberto Guidoni, che ha guidato l’associazione per due anni. È Responsabile di Laboratorio ed attivamente impegnato in Fast, il progetto Enea-Euratom sulla fusione nucleare che confluisce nel più ampio programma mondiale ITER, per la realizzazione della prima centrale in grado di produrre energia dalla fusione.

Per ulteriori informazioni:
Paola Richard
Silverback
Greening the Communication
mobile 366 1645501
p.richard@silverback.it

Condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Twitter
  • Digg
  • Sphinn
  • Mixx
  • LinkedIn
  • MSN Reporter
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • Yahoo! Bookmarks
  • Print

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi