Accastampato

Ricercatori. . . gente come noi

“Tutti la vogliono e nessuno se la pija. . . ” Questo modo, tipicamente romano, di definire qualcosa che tutti reputano importante ma che, al dunque, e’ lasciata da parte o trascurata, caratterizza sempre di più la ricerca scientifica italiana. Tutti si dicono interessati ad essa e ritengono che sia fondamentale per lo sviluppo del Paese, ma poi nessuno sembra attivarsi concretamente per rafforzarla ed estenderla.

Da anni insieme ad alcuni colleghi, ricercatori o semplici appassionati di scienza, ci stiamo impegnando per rendere la Ricerca più pop, avvicinandola sempre di più alle persone comuni. Riteniamo che non sia tanto importante divulgare la Scienza, quanto creare educazione scientifica e gettare le basi affinché  la Ricerca divenga realmente un bene compreso e condiviso. L’opportunità ci e` arrivata dalla Comunità Europea che, dal 2005, organizza in contemporanea in molte città europee una Notte dedicata al ricercatore, una figura che spesso si contraddistingue per la sua incapacità di condividere il suo mondo con il pubblico e che, di conseguenza, e’ scarsamente inserito nell’immaginario collettivo. Con queste iniziative l’Europa vuole forzare i ricercatori stessi a scendere nelle piazze e fra la gente. A invitare tutti quelli che lo vogliono a entrare nei laboratori di ricerca per scoprire la passione che c’e` dentro e per capire che questi non sono templi inaccessibili, ma luoghi dove si cerca di far progredire tutti insieme la conoscenza dell’umanità.

L’area scientifica a sud di Roma, per tutto ciò che riguarda la Ricerca, e` sicuramente un luogo eccezionale. Qui si trovano numerosi istituti d’eccellenza italiani che, oltre a ospitare e a far lavorare più di tremila ricercatori, rendono i Castelli Romani l’epicentro di un polo scientifico di grandissima rilevanza europea. A tutto ciò si aggiungono le università romane, dove i giovani studenti hanno sicuramente capito che e’ giunto il tempo di fare qualcosa che arrivi dritto alla gente e che insegni ai giovani ricercatori presenti e futuri come raccontare il mondo in cui sono immersi. Un esempio di quest’aria nuova e’ costituito dai ragazzi di accatagliato, l’associazione di studenti e dottorandi di fisica di Roma, che hanno deciso di realizzare questa rivista. E` necessario sottolineare, pero’, che nonostante la buona volontà e la realizzazione di bellissimi prodotti da parte dell’associazione, tra cui il sito www.accatagliato.org, non si e` ancora trovato un finanziatore che sia disposto a investire sulla distribuzione gratuita della rivista nelle scuole. Il motivo e’ semplice e sempre il solito: queste cose sono molto belle, ma al dunque nessuno “se le pija”. . . Per questo, in occasione della quinta edizione della Settimana della Scienza e della Notte Europea dei Ricercatori, Frascati Scienza, l’associazione che organizza la manifestazione, ha deciso di avviare un esperimento: la realizzazione di una free press, il numero 2 della rivista gratuita accastampato, dedicata al largo pubblico, dove, per mano di futuri ricercatori, si racconti e si spieghi un po’ di scienza.

Insomma, noi ce la stiamo mettendo tutta per aprire le porte della Scienza ai cittadini. Ci auguriamo che il nostro impegno e la nostra passione siano ripagati da una numerosa partecipazione alla Settimana della Scienza 2010, di cui troverete il programma dettagliato fra queste pagine. Auguriamo ai ragazzi di accatagliato, oltre a tutto il successo che si meritano, di trovare presto un editore realmente interessato al loro lavoro.
Buona lettura!

G.M.

leggi la rivista online cliccando qui oppure scegli il formato che preferisci

Condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Twitter
  • Digg
  • Sphinn
  • Mixx
  • LinkedIn
  • MSN Reporter
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • Yahoo! Bookmarks
  • Print
One Response
  1. Maurizio Gentile 7 anni ago

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*