Frascati Scienza – FRASCATI, PER UNA SETTIMANA CAPITALE DELLA SCIENZA MONDIALE

Notte 2010,Rassegna Stampa - Pubblicato 16 settembre 2010 20:20 - Tag: , , , , , , , , , , ,

COMUNICATO STAMPA

FRASCATI, PER UNA SETTIMANA CAPITALE DELLA SCIENZA MONDIALE

DAL 18 AL 26 SETTEMBRE

LA SETTIMANA DELLA SCIENZA E LA NOTTE EUROPEA DEI RICERCATORI

La ricerca scientifica è una grande occasione di sviluppo sostenibile. A dimostrarlo il polo di eccellenza di Frascati e dell’area sud della capitale, dove lavorano oltre 3.000 ricercatori in otto istituzioni scientifiche di importanza mondiale. Nella Notte Europea dei Ricercatori (24 settembre) e durante tutta la Settimana della Scienza (18-26 settembre), la più importante concentrazione di laboratori scientifici a livello italiano e una delle maggiori su scala mondiale diventa vera e propria capitale della ricerca d’avanguardia, rendendo pubblici e visibili i legami che la collegano quotidianamente con i massimi centri mondiali.

Ma la scienza è anche ispirazione culturale, gioco, divertimento. Come nelle altre edizioni a Frascati ci saranno laboratori aperti, caffè scientifici per parlare a tu per tu dei temi della ricerca, concerti blues, happening, cultura e spettacolo per fare della scienza una grande esperienza collettiva, uno scambio tra il pubblico vasto e i ricercatori. In questa quinta edizione il baricentro si sposta anche sugli strettissimi collegamenti internazionali: soprattutto nel corso della Notte Europea, in piazza a Frascati saranno virtualmente presenti i protagonisti delle nuove avventure della fisica moderna, della medicina, della ricerca sull’energia a livello mondiale.

Così, il Nobel Samuel Ting parlerà, dal CERN di Ginevra, della partenza verso la Stazione spaziale internazionale del nuovissimo strumento che andrà a indagare ai confini dell’universo l’esistenza della materia oscura e dell’antimateria. Assieme a lui, in collegamento dal Kennedy Space Centre in Florida, Roberto Vittori, l’astronauta italiano che porterà lo spettrometro nello spazio, mentre sarà sempre un italiano che ha un ruolo di primissimo piano nel mondo, il direttore del progetto europeo Jet Francesco Romanelli che farà il punto sulla fusione nucleare. E poi, in collegamento con l’Erasmus Centre di Rotterdam si parlerà della ricerca avanzata sulla cardiologia, mentre dall’Ice Cube del Polo Sud i ricercatori spiegheranno al pubblico in piazza – e a quello collegato attraverso la stream tv – i cambiamenti del clima globale. Frascati sarà quindi l’epicentro di attività che si svolgeranno quest’anno anche presso l’Osservatorio Gravitazionale Europeo EGO di Cascina a Pisa e a Grottaferrata dove verranno organizzati eventi e giochi in piazza per condividere lo spirito della manifestazione.

“È una visione della scienza a 360 gradi, quella che vogliamo dare nella Settimana e durante la Notte Europea”, ha spiegato Giuseppe Mazzitelli, presidente dell’Associazione Frascati Scienza, che annovera tra i soci storici tutti gli enti scientifici dell’area e il Comune di Frascati, presentando l’iniziativa nel corso della conferenza stampa che si è tenuta oggi alla Regione Lazio. “Scienza significa conoscenza e sapere: è un patrimonio di tutti, non solo dei ricercatori, fondamentale per assicurare un futuro migliore ai giovani. Le ricadute della ricerca sono anche di tipo imprenditoriale e occupazionale. La Settimana e la Notte valorizzano questi aspetti. Il nostro maggiore impegno è senza alcun dubbio verso i giovani: farli innamorare della scienza è il nostro obiettivo”, ha concluso Mazzitelli.

“Appassionarsi alla Scienza può essere il Futuro per molti ragazzi. Ed è proprio per questo che abbiamo voluto che all’interno della Settimana della Scienza a Frascati ci fosse un evento interamente dedicato al mondo dei giovani. Abbiamo infatti invitato migliaia di studenti di tutte le età abitanti nell’area Tuscolana a diventare i protagonisti della Notte dei Ricercatori del 24 settembre”, spiega Fabiana Santini assessore alla Cultura, all’arte e allo Sport della Regione Lazio. “È proprio a loro e al loro futuro che vogliamo dedicare quest’iniziativa organizzata in modo sempre più coinvolgente dall’Associazione Frascati Scienza. Gli zainetti, i gadget e soprattutto i libri di argomento scientifico delle case editrici del Lazio, che daremo in premio ai vincitori del concorso Cartoons Genius 2010. Il disegno diventa animazione, saranno il nostro modo di augurare buona fortuna alle centinaia di bambini e ragazzi che hanno partecipato incentivandoli a dare sempre il massimo nelle competizioni della vita”.

“Un’ulteriore e importante tappa dell’originale percorso del progetto Frascati Scienza, avviato all’inizio del 2006, che vede protagonista la ricerca scientifica”. Così Stefano Di Tommaso, Sindaco di Frascati, che ha fortemente voluto la costituzione dell’Associazione Frascati Scienza, saluta l’edizione 2011 della Settimana della Scienza e della Notte Europea dei Ricercatori. “La Città, dove per tutto l’anno ci sono iniziative di divulgazione scientifica, diverrà un grande laboratorio per l’educazione alla ricerca, grazie ai circa 100 eventi organizzati, che consentiranno alle migliaia di visitatori attesi di avvicinarsi agli affascinanti temi della ricerca scientifica e, nel contempo, apprezzare una città, ricca di bellezze naturali e ville rinascimentali, e gustare insieme alla eccellente gastronomia il famoso vino Frascati DOC”.

La Notte Europea dei Ricercatori, venerdì 24 settembre, è l’evento attorno a cui si snoda la Settimana della Scienza di Frascati ed è la maggiore iniziativa voluta dalla Comunità Europea per far scoprire il valore della ricerca scientifica ai cittadini. Quest’anno si svolgerà in contemporanea in oltre 260 città di 31 Paesi, europei e dell’area mediterranea. In Italia ci saranno oltre 25 iniziative.

Ma a Frascati si fanno le cose in grande. La Settimana della Scienza, che comincia il 18 settembre per concludersi il 26, da cinque anni stabilisce un collegamento diretto tra ricercatori e cittadini dell’area romana e non solo. Nelle iniziative nelle piazze, nelle scuole, nelle sale dei palazzi storici si parla della creazione della vita in laboratorio, delle profezie sulla fine del mondo e della loro assurdità, di clima, biodiversità, ricerca genica. Si ascoltano le voci del pensiero scientifico sussurrate in piazza in un happening teatrale, si apprende delle somiglianze tra onde sismiche e sonore ascoltando un concerto jazz blues, si calcola la scorta di energia conservata nel pianeta, per poi ritornare alle vicende non sempre allegre di casa nostra con delle ironiche “prove di performance precaria” mentre si allarga il discorso dell’eccellenza della ricerca in campo medico. Per giocare al grande e serio gioco della scienza saranno in piazza quindi per l’intera settimana laboratori aperti, mostre, spettacoli, stand interattivi per coinvolgere il pubblico e mostrare della ricerca nel gusto, nella musica e nell’arte. Inoltre, l’intero programma della Notte Europea dei Ricercatori sarà visibile in diretta streaming sul sito di Frascati Scienza (www.frascatiscienza.it).

A organizzare i circa 100 appuntamenti, tra spazi e iniziative, della Settimana è Frascati Scienza, cui aderiscono i sette grandi enti scientifici italiani (Asi, Cnr, Enea, Esa-Esrin, Inaf, Infn, Ingv), le tre università romane e il Comune di Frascati Obiettivo generale dell’associazione è condividere con il pubblico dell’area romana e il resto d’Europa l’importante patrimonio scientifico di Frascati, polo di ricerca di valore internazionale con i suoi oltre 3.000 scienziati, promuovendo l’educazione alla ricerca scientifica attraverso eventi di divulgazione e la creazione di reti di comunicazione permanente fra ricercatori e cittadini.

Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, il progetto è promosso dalla Commissione Europea, Regione Lazio – Assessorato alla Cultura, Arte e Sport, Comune di Frascati e Filas, in collaborazione con il Comune di Grottaferrata e la XI Comunità Montana. È coordinato e realizzato da Frascati Scienza, e vede come direct partner l´Erasmus Medical Center di Rotterdam, il CERN di Ginevra, oltre ai numerosi partner scientifici: ASI, CNR, ENEA, ESA-ESRIN, INAF, INFN, INGV, Fondazione Telethon, EGO/VIRGO (Pisa), EFDA-JET (Culham – Oxford), ESO e le Facoltà di Scienze delle università di Roma: Tor Vergata, La Sapienza, Roma Tre. Si aggiungono ai partner scientifici principali, le associazioni: ATA, Eta-Carine, Ludis, GEco, Accatagliato. Patrocinano: il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il Ministero degli Affari Esteri, la Provincia di Roma, il Comune di Monteporzio Catone, il Parco Regionale dei Castelli Romani. Supportano: Radio3 Scienza, Repubblica SCUOLA, Elsevier, Scuderie Aldobrandini, Metropark-Gruppo Ferrovie dello Stato, Zapata. Technology Partner: FASTWEB, Groovy Gecko, TANDBERG. Media Partner: Radio Globo.

Notizie e aggiornamenti sul sito www.frascatiscienza.it

Per ulteriori informazioni:

-Paola Richard, Silverback‐ Greening the Communication p.richard@silverback.it, mobile 366 1645501

-Maria Grazia Filippi, Ass. alla Cultura, Arte e Sport Regione Lazio, mgfilippi@regione.lazio.it, mobile 333 2075323

-Giovanni Mazzitelli, Frascati Scienza/INFN giovanni.mazzitelli@frascatiscienza.it, mobile 347 2429471

Condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Twitter
  • Digg
  • Sphinn
  • Mixx
  • LinkedIn
  • MSN Reporter
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • Yahoo! Bookmarks
  • Print




TrackBack URL

Webmaster: Dael Maselli