PER UNA STORIA DELLA GEOFISICA ITALIANA

COMUNICATO STAMPA

PER UNA STORIA DELLA GEOFISICA ITALIANA

GUGLIELMO MARCONI, ENRICO FERMI, ANTONIO LO SURDO E LE VICENDE DELLA RICERCA ITALIANA RACCONTATE DA FRANCO FORESTA MARTIN, SCRITTORE E GIORNALISTA DEL CORRIERE DELLA SERA

FRASCATI (RM) – SABATO 30 OTTOBRE ORE 20.00

LIBRERIA CAVOUR-MONDADORI, PIAZZA DEL GESÙ 18

L’eterno conflitto tra scienza e politica, le battaglie tra le menti più brillanti e l’eccellenza della scienza in Italia a partire dagli anni Trenta, attraverso l’analisi dei documenti inediti trovati presso l’Archivio Centrale dello Stato e l’Archivio Storico dell’Istituto Nazionale di Geofisica (presso l’INGV). Sabato 30 Ottobre a Frascati, alle 20, lo scrittore e giornalista scientifico del Corriere della Sera Franco Foresta Martin presenta il suo ultimo libro Per una storia della geofisica italiana, in un evento organizzato da Frascati Scienza in collaborazione con la libreria Cavour-Mondadori di Frascati. Obiettivo dell’Associazione è condividere l’importante patrimonio scientifico dell’area tuscolana, promuovendo l’educazione alla ricerca scientifica e la sua comunicazione al largo pubblico attraverso eventi di divulgazione e reti di comunicazione permanente fra ricercatori e cittadini.

Nel volume, edito da Springer-Verlag, Franco Foresta Martin e Geppi Calcara ricostruiscono due vicende parallele. La prima si svolge negli anni Trenta ed è la storia dell’impegno di Guglielmo Marconi per rilanciare la geofisica, nella sua veste di presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche e di scienziato organico al regime fascista. Superando vari ostacoli, anche di natura politica, Marconi riuscì a fondare un moderno Istituto nazionale di geofisica (ING) e ne affidò la direzione a un affermato professore di fisica dell’Università di Roma, Antonino Lo Surdo. Quest’ultimo si circondò di giovani e brillanti ricercatori e realizzò in pochi anni, nonostante la tragedia della seconda guerra mondiale, la prima rete italiana di monitoraggio geofisico, avviando sistematiche ricerche, oltre che in sismologia, su raggi cosmici, ionosfera, ottica ed elettricità atmosferica, radioattività, idrologia.

La seconda storia ripercorre la vita personale dello stesso Lo Surdo che, pur avendo sfiorato il Nobel per la Fisica e avendo acquisito grandi meriti come organizzatore della ricerca scientifica, subì una sorta di damnatio memoriae per essere entrato in conflitto con Enrico Fermi, raccogliendo la sua ostilità e quella di alcuni dei suoi allievi

Per ulteriori informazioni:

Paola Richard, Silverback‐ Greening the Communication p.richard@silverback.it, mobile 366 1645501

Giovanni Mazzitelli, Frascati Scienza/INFN giovanni.mazzitelli@frascatiscienza.it, mobile 347 2429471

Libreria Cavour-Mondadori, Piazza del Gesù 18, 00044 Frascati (RM), libreria.cavour@libero.it, 06 9426478

Gli autori:

Franco Foresta Martin, giornalista scientifico e geologo, ha lavorato per oltre 30 anni al Corriere della Sera ed è autore di testi di divulgazione scientifica, molti dei quali scritti espressamente per gli studenti. È consulente scientifico della trasmissione televisiva Geo&Geo e direttore del periodico Astronomia. Nel 2007 l’Unione Astronomica Internazionale ha dato il suo cognome a un pianetino che orbita fra Marte e Giove. Sul Corriere della Sera online (www.corriere.it) è titolare di una rubrica dedicata a Ambiente e Clima.

Geppi Calcara, laureata in lingue e Letterature Straniere, con un diploma di specializzazione in Archivistica, ha curato il riordinamento dell’Archivio Storico dell’Istituto Nazionale di Geofisica (ING). Dal 2007 è all’Archivio Centrale dello Stato dove cura il riordinamento delle carte degli Istituti e dei Centri di Studio del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).

Franco Foresta Martin e Geppi Calcara
Per una storia della geofisica italiana
Springer-Verlag, 2010, pp. 278, euro 23,00

Condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Twitter
  • Digg
  • Sphinn
  • Mixx
  • LinkedIn
  • MSN Reporter
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • Yahoo! Bookmarks
  • Print