Settimana della Scienza, cosa fare il 25 settembre

La mostra sui micro predatori del conduttore di Geo, Biggi; una sala operatoria vera diventa laboratorio; i giochi spaziali degli astronauti di Esa. Il giorno “dopo la Notte” è ancora una maratona di scienza

Se pensate che dopo la grande Notte Europea dei Ricercatori e delle Ricercatrici sia tutto finito vi sbagliate. “Il giorno dopo”, “The day after” è ancora ricco di scienza. La Settimana della Scienza è arrivata al sabato ma continua a sorprendervi in tutta Italia grazie al progetto LEAF  (heaL thE plAnet’s Future) di Frascati Scienza. A Frascati, una maratona di incontri alle Scuderie Aldobrandini, un terremoto di laboratori scientifici al Mercato Coperto. Ma poi Ariccia, Nemi, Quartucciu, Gaeta, Potenza, Gorga…tante le “foglie verdi e rosa” a ravvivare lo Stivale.

ARICCIA

Gli amanti delle Scienze naturali possono entrare dentro la ricchezza della flora e dalla fauna dello spazio verde della famiglia Volterra e del Parco Chigi nato originariamente come “Barco”. Le proposte di visita sono tre: Biodiversità Appia antica Parco Chigi e Locanda Martorelli Si tratta di una vera passeggiata naturalistica-archeologica. Appuntamento al Piazzale dei Caduti ad Ariccia e dal Ponte Monumentale, con affaccio sul Parco Chigi. Oppure, c’è la proposta Biodiversità antica e moderna, tra giardino Volterra e Parco Chigi e infine pronti e via per una Passeggiata naturalistico scientifica al parco Chigi. In collaborazione con l’associazione Amici di Palazzo Chigi.

C’è anche una quarta proposta al Villino Volterra, una lezione di educazione ambientale con Moabi e la salvaguardia dell’ambienteNiente di “scolastico” bensì un laboratorio per ricordare che la natura è la prima artefice di splendidi capolavori. Scopriamo insieme la magia degli alberi e di come essi comunichino tra loro e con l’uomo, senza bisogno di parole.


NEMI

Ci hanno accompagnato tutta la settimana queste splendide attività proposte dal Comune di Nemi e che potete vivere anche oggi, 25 settembre. Si tratta della visita archeologica: Alla scoperta delle navi di Caligola.  Poi a Palazzo Ruspoli c’è Il viaggio tra tradizione ed innovazione mentre nei vicoli del borgo, una passeggiata immersiva con tanto di degustazione delle fragoline, in “Nemi: storia e tradizioni”.
Ma ci sono proprio per sabato due novità! Il caratteristico Castello Romano organizza anche un’interessante escursione geo-naturalistica sul cratere vulcanico di Nemi accompagnati da un geologo: il modo migliore per conoscere i segreti della ultima e Terza fase del Distretto Vulcanico dei Colli Albani. L’itinerario ha una lunghezza complessiva di circa 4,5 Km, prenotatevi qui al link: Il cratere di Nemi ed il Vulcano Laziale. Si parte presto, alle 8.45 per tornare alle 12.15.


A Palazzo Ruspoli, nella sala del pattinaggio, la seconda novità è col professore Fabio Massimo Frattale Mascioli Ordinario di Elettrotecnica alla Sapienza di Roma e Responsabile scientifico di POMOS – Polo per la Mobilità Sostenibile. Sarà lui a tenere un aperitivo scientifico sul tema della mobilità elettrica: Mobilità per il Turismo e Turismo della Mobilità

Notte-europea-dei-ricercatori-Scienza-Nemi-Cratere-visita


ROMA

Un giorno da pesce, esperienza dalle 10 alle 17 nella Stazione di Acquacoltura dell’Università di Roma Tor Vergata. Si tratta sempre di una visita guidata con esperti. Obiettivo far conoscere modelli animali alternativi ai mammiferi – quali il pesce zebra (zebrafish) e il pesce del riso (medaka) – per lo studio delle patologie, ad esempio quelle ossee, in umani e nei pesci allevati.  L’attività prevede un giro delle vasche esterne con possibilità di toccare lo storione: il pesce osseo primitivo, con cartilagine e altri aspetti che rimandano a milioni di anni fa. Ma si interagirà anche con le tilapie e si osserveranno allo stereomicroscopio le uova del pesce zebra e del pesce del riso, a vari stadi di sviluppo embrionale

Uno dei quartieri più famosi della Capitale vi aspetta per Garbatella 20/20: la città e la memoria, dalle 17 alle 19, presso gli Orti Urbani Garbatella.  Assieme a Roma Tre, una visita guidata attraverso le strade e i lotti di Garbatella per raccontare le caratteristiche architettoniche, urbane e stilistiche della borgata giardino fondata nel 1920 dall’Istituto per le Case Popolari in Roma.

QUARTUCCIU

Se ieri non siete riusciti, non preoccupatevi, c’è ancora tutto il giorno del 25 per vivere l’elettrizzante esperienza di una sala operatoria. In Sardegna indossate il camice che si entra nel Teatro Operatorio: il pubblico in sala. Appuntamento a Le Vele Millenium, con l’associazione AICO (Associazione infermieri di camera operatoria).

POTENZA

La matematica si mostra al Museo Provinciale grazie all’associazione Parimpari che ha allestito Segni e disegni matematici.Una mostra di disegni che ha coinvolto tantissimi studenti del territorio.

GORGA

Tre gli appuntamenti all’Osservatorio Astronomico di Gorga. Si comincia con Circular Economy: La Luna a costo zero, o quasi. Un titolo un po’ enigmatico, ma il costo zero in questione è dato dal riciclo! Infatti, presso l’Osservatorio è possibile tuffarsi in una mostra-laboratorio realizzata per lo più con materiale riciclato. Si tratta di oggetti che riacquistano una seconda vita e diventano un mezzo per fare divulgazione, per parlare di astronomia e scienza. La mostra è in continua evoluzione e trasformazione e per l’occasione del progetto LEAF, c’è una sezione nuova dedicata alla Luna.

Sempre sul tema stelle e sempre sul tema “inquinamento” ma da un’altra angolatura è il laboratorio organizzato ancora dal Gruppo Astofili Monti Lepini  Per un Cielo Buio: cos’è l’Inquinamento Luminoso Se parliamo di “Zero Pollution”, non possiamo dimenticarci dell’inquinamento delle fonti luminose che affligge i nostri centri abitati. La luce che inviamo inutilmente verso l’alto contribuisce, considerando l’energia impiegata per ottenerla, alla produzione di CO2 che si accumula in atmosfera ed è stato dimostrato che questo tipo di inquinamento influisce negativamente sia sulla nostra qualità della vita che su quella degli altri esseri viventi. Una serata di sensibilizzazione utilizzando anche il planetario!

C’è anche un interessante Science trip: La Biodiversità. Scopriamo ciò che ci circonda.  All’Osservatorio Astronomico di Gorga il tema di LEAF biodiversità la farà da protagonista. I giovani del Gruppo propongono un approfondimento tutto dedicato ai piccoli animali, come gli invertebrati. Con l’ausilio di microscopi e di schermi, si mostreranno le meraviglie di questi esseri viventi che spesso non notiamo.

Notte-europea-dei-ricercatori-Scienza-osservatorio-gorga-planetario

GAETA

Al Castello di Gaeta c’è il Museo Facile a Gaeta. Dal Castello alla Città, abbattendo barriere culturali, linguistiche e sensoriali sono offerti percorsi culturali sia all’interno del Castello sia nella città di Gaeta.

FRASCATI

L’istituto Calasanzio di Frascati con Mindsharing ospita Laboratori di Coding e Robotica.

Se girate per il centro storico, in piazza S. Pietro c’è Euro-Speed-Date: appuntamento con la ricerca… europea, ma anche La magia degli Alberi.

Sempre in Piazza La cucina del futuro – Show Cooking a cura di Ospitalità Castelli Romani.

La Notte Europea dei ricercatori non è per nulla finita alle Scuderie Aldobrandini. Si parla di piccolissimi organismi con La battaglia tra i microbi e il nostro sistema immunitario: arriva Capitan Vaccino! Mentre con G.Eco si scopre la biodiversità nel suo gigante laboratorio immersivo Terra! Il pianeta del tesoro! FVA-New Media Research ha ancora aperte porte del suo  Bioeconomy Village per scoprire prodotti interessanti sostenibili. Continua anche l’incontro di Tor Vergata sulle “nuove opportunità” dei rifiuti con Splastica: plastica 100% biodegradabile e compostabile.

Da non perdere la mostra del conduttore di Geo, Emanuele Biggi. Le sue foto e quelle del suo compagno di avventure, il noto divulgatore Francesco Tomasinelli vi portano nel mondo dei Predatori del Microcosmo: zanne, corazze e veleni.

Se preferite l’astronomia, non avete che scegliere il laboratorio di ESA (Agenzia spaziale europea) che propone Rocket Science!

Nell’Auditorium delle Scuderie si susseguono gli spettacoli, sembra di essere in una “maratona di scienza”, A testa in su, assieme a Multiversi, per uno show sui fenomeni atmosferici tra nuvole, correnti d’aria, trombe d’aria e cicloni. Insieme ad Alessio Perniola, fisico e divulgatore scientifico.

Piccoli geni: alla scoperta dei microrganismi. É il titolo del libro di Stefano Bertacchi, Biotecnologo Industriale e dottore di ricerca in Tecnologie Convergenti per i Sistemi Biomolecolari (TeCSBi) presso l’Università degli Studi di Milano – Bicocca. Obiettivo assaggiare un po’ di biodiversità microbica, un campo talmente enorme da rendere difficile riassumerla: batteri, lieviti, muffe, archea, protozoi e microalghe.

La scienza che prevedeva il futuro è l’incontro con Walter Quattrociocchi della Sapienza Università di Roma e Licia Troisi, divulgatrice scientifica e popolare autrice fantasy: pronti a parlare di Psicostoria.

Come ogni anno il Mercato Coperto è epicentro del terremoto del divertimento scientifico. Ci sono le curiose metamorfosi degli animali proposte da G.Eco nel laboratorio Super Mario Zoo: i TrasformAnimali. Gli animali marini da toccare sono, invece, al Bycatch…by night! Laboratorio tattile di biologia marina, assieme al biologo Filippo Fratini. E ancora, il CREA vi porta nel suo Alveare digitale mentre  Unitelma Sapienza, al Mercato Coperto propone Archeologia Virtuale e Didattica Immersiva.

Notte-europea-dei-ricercatori-Scienza-animali-biologia-giochi

In un’altra piazza, Piazza Marconi, stelle, galassie, pianeti, nebulose e tutto ciò che il nostro immenso universo ci mette a disposizione, sarà osservabile coi vostri occhi, grazie all’Associazione Giovanile Le Scie Fisiche che presenta Sky Explorers.

Un sabato sera diverso, in piazza del Gesù, immersi nel gioco di ruolo organizzato dall’Associazione Giano è Dungeons, Dragons & Researchers. Tutto incentrato sul tema della sostenibilità e della crisi climatica. Ci sono anche le possibilità di farlo interamente online, nel caso non resta che controllare le bande del wifi e giocare!

ONLINE

L’ospedale pediatrico Bambino Gesù con La ricerca è il futuro del pianeta apre le porte dei laboratori, grazie al sito web e ai suoi canali social. Sarà mostrato cosa accade dentro i laboratori di ricerca, come lavorano i ricercatori, che strumenti usano per le loro attività e cosa stanno studiando per migliorare la vita dei pazienti e delle loro famiglie.

I ricercatori del Centro di Ricerca di Zootecnia e Acquacoltura del CREA intendono mostrare ad un pubblico generico, mediante pillole divulgative scientifiche, i risultati che si stanno ottenendo entro il progetto MIQUALAT, sfatando molti cliché su uno dei prodotti più importanti della civiltà umana: il latte. Non perdete La ricerca in zootecnia e la filiera del latte.

Finisce il ciclo di incontri dell’Istituto Centrale per il Restauro con I Supporti Cellulosici dei Dipinti. III Parte

Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro terrà un webinar su Micropolis Non tutti i microbi vengono per nuocere.

Notte-europea-dei-ricercatori-Scienza-latte-qualità-salute
Condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Twitter
  • Digg
  • Sphinn
  • Mixx
  • LinkedIn
  • MSN Reporter
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • Yahoo! Bookmarks
  • Print

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi