News Ricerca




ESA-ESRIN

BepiColombo scatta le ultime foto della Terra sulla strada per Mercurio

BepiColombo’s close-up of Earth during flyby

La missione ESA/JAXA BepiColombo ha completato il suo primo sorvolo il 10 aprile, quando il veicolo spaziale si è avvicinato a meno di 12.700 km dalla superficie della Terra alle 06:25 del mattino, spostando la sua traiettoria verso la destinazione finale, Mercurio. Le immagini raccolte subito prima del suo approccio più vicino ritraggono il nostro pianeta brillare nell'oscurità, durante uno dei momenti più difficili per l'umanità in tempi recenti.

 ...

Vai all'articolo



Immagine EO della Settimana: Finistère

The Copernicus Sentinel-2 mission takes us over Finistère – a French department in the west of Brittany.

La missione Copernicus-Sentinel-2 ci porta sopra Finistère - un dipartimento della Francia nell'ovest della Bretagna.

 ...

Vai all'articolo



Insolito buco dell’ozono si apre sull'Artico

Utilizzando i dati del satellite Copernicus Sentinel-5P, gli scienziati hanno notato una forte riduzione delle concentrazioni di ozono sull'Artico. Insolite condizioni atmosferiche, comprese gelide temperature nella stratosfera, hanno portato i livelli di ozono a precipitare – causando un 'mini-buco' nello strato di ozono.

 ...

Vai all'articolo




INFN

BepiColombo scatta le ultime foto della Terra sulla strada per Mercurio

BepiColombo’s close-up of Earth during flyby

La missione ESA/JAXA BepiColombo ha completato il suo primo sorvolo il 10 aprile, quando il veicolo spaziale si è avvicinato a meno di 12.700 km dalla superficie della Terra alle 06:25 del mattino, spostando la sua traiettoria verso la destinazione finale, Mercurio. Le immagini raccolte subito prima del suo approccio più vicino ritraggono il nostro pianeta brillare nell'oscurità, durante uno dei momenti più difficili per l'umanità in tempi recenti.

 ...

Vai all'articolo



Immagine EO della Settimana: Finistère

The Copernicus Sentinel-2 mission takes us over Finistère – a French department in the west of Brittany.

La missione Copernicus-Sentinel-2 ci porta sopra Finistère - un dipartimento della Francia nell'ovest della Bretagna.

 ...

Vai all'articolo



Insolito buco dell’ozono si apre sull'Artico

Utilizzando i dati del satellite Copernicus Sentinel-5P, gli scienziati hanno notato una forte riduzione delle concentrazioni di ozono sull'Artico. Insolite condizioni atmosferiche, comprese gelide temperature nella stratosfera, hanno portato i livelli di ozono a precipitare – causando un 'mini-buco' nello strato di ozono.

 ...

Vai all'articolo




ENEA

Efficienza energetica: da ENEA vademecum su ecobonus e scadenze per imprese e PA

Le  novità sugli ecobonus del 65%, ma anche le scadenze e gli obblighi di legge che scattano da quest’anno per famiglie, imprese e amministrazioni pubbliche in tema di efficienza energetica sono raccolte e spiegate nel ‘Vademecum all’efficienza per il 2015’, realizzato dall’ENEA e disponibile on line all’indirizzo efficienzaenergetica.acs.enea.it. 

Su questo sito, curato da ENEA in collaborazione con il MiSE, sono anche disponibili informazioni sugli ecobonus e numeri di telefono per richiedere indicazioni sugli incentivi rinnovati dal Governo anche per l’anno in corso.

Le principali innovazioni in tema di efficienza per il 2015 riguardano l’estensione degli incentivi sotto forma di detrazioni del 65% introdotta dalla legge di Stabilità e l’attuazione delle previsioni del Dlgs 102/2014. Fra queste, in particolare, la predisposizione, in collaborazione con ENEA, di un programma di intervento per il miglioramento della prestazione energetica degli immobili della PA centrale e l’obbligo di diagnosi energetica per le imprese di grandi dimensioni entro fine 2015.

Per quanto riguarda gli ecobonus, da quest’anno valgono anche per l'acquisto e la posa in opera delle schermature solari, ovvero per le spese sostenute nei prossimi 12 mesi fino a un valore massimo di 60.000 euro; saranno detraibili le spese per tende esterne, chiusure ...

Vai all'articolo



MED DIET EXPO 2015: Continua il tour verso l'esposizione universale

Continua il tour di MED DIET EXPO 2015 che anticipa la presentazione ufficiale del 14 maggio presso Padiglione Italia, in Expo.

Il progetto, nato da un accordo siglato tra le massime Istituzioni Scientifiche a livello nazionale e internazionale, CNR DiSBa, CIHEAM Bari, CRA, ENEA e il FORUM ON MEDITERRANEAN FOOD CULTURES, si prefigge di investire la Dieta Mediterranea di un nuovo significato in grado di cambiare le abitudini alimentari e di promuoverla come stile di vita salutare e sostenibile, rispondendo a una domanda del tutto provocatoria: Esiste ancora la Dieta Mediterranea?  Con questo titolo MED DIET EXPO 2015 invita alla riflessione sui temi fondamentali dell’Esposizione Universale: nutrizione e sicurezza alimentare, sostenibilità, innovazione, evoluzione.

Affrontando le criticità e gli aspetti più salienti che coinvolgono il settore della nutrizione e l’intera popolazione, MED DIET EXPO 2015 sarà uno degli eventi all’interno del calendario CNR in Expo, e parteciperà alla Conferenza stampa di presentazione, che vedrà in platea, oltre alle principali testate del panorama editoriale, anche i rappresentanti di Fondazione Bracco, Padiglione Italia e il Ministro all’Agricoltura Maurizio Martina, il 28 gennaio presso la sede del CNR a Roma.

MED DIET EXPO 2015 farà ...

Vai all'articolo



Beni culturali: Innovativo sistema antiurto messo a punto da ENEA  e Musei Vaticani  per il trasporto della  statua “Augusto di  Prima Porta”

La famosa statua in marmo dell’imperatore Augusto rinvenuta a Roma nel 1863 e nota come “Augusto di  Prima Porta” dal luogo di ritrovamento, è tornata perfettamente integra ai Musei Vaticani dopo essere stata esposta alle Scuderie del Quirinale a Roma e al  Grand Palais a Parigi.

A causa della fragilità della statua tutti gli spostamenti durante il trasporto sono stati eseguiti utilizzando un innovativo sistema di protezione da qualsiasi sollecitazione o urto, sostenuto dalla ditta Montenovi, progettato e sviluppato dall’ENEA in collaborazione con i Musei Vaticani. Le soluzioni tecnologiche sono state studiate e realizzate dall’ing. Gerardo De Canio dell’ENEA insieme ai tecnici dei Musei Vaticani, Guy Devreux e Stefano Spada, restauratori del Laboratorio Restauro Marmi e al prof. Ulderico Santamaria, responsabile  del  Laboratorio di Diagnostica per la Conservazione e il Restauro.

Il trasporto è stata un’operazione complessa in quanto la statua, alta più di 2 metri e dal peso di oltre 1000 chilogrammi, restaurata in più punti, è molto vulnerabile alle vibrazioni e agli urti, ma grazie all’integrazione di diverse tecniche (tutore, cassa ammortizzata e gabbia antivibrante) ne è stata possibile la perfetta protezione in tutte le fasi. In primo ...

Vai all'articolo




INAF

Là dove il cosmo s’espande un po’ di più

Uno fra i pilastri della cosmologia è che, su distanze sufficientemente grandi, l’universo appare uguale in tutte le direzioni. È la cosiddetta isotropia. Analizzando oltre trecento ammassi di galassie con Chandra e Xmm-Newton, però, un team di astrofisici mette in dubbio questa uniformità: in alcune direzioni l’universo parrebbe espandersi a velocità diversa rispetto ad altre. Ne parliamo con uno dei coautori, Lorenzo Lovisari, da poco rientrato da Harvard per lavorare all’Inaf di Bologna ...

Vai all'articolo



Nana bruna sferzata da venti a oltre duemila km/h

Un team di astronomi ha usato il Very Large Array e il satellite infrarosso Spitzer della Nasa per compiere la prima misura della velocità del vento atmosferico di una nana bruna – un corpo celeste a metà fra un pianeta e una stella. Un metodo semplice e già utilizzato per pianeti come Giove, innovativa però la sua applicazione ad altri corpi celesti, e facilmente estendibile alle atmosfere esoplanetarie. Lo studio è pubblicato su Science ...

Vai all'articolo



Il buco nero che ripiega la luce

Un studio condotto da ricercatori del Caltech presenta la prima evidenza osservativa del fatto che non tutta la luce irradiata dal disco che circonda un buco nero riesce facilmente a scappare dal buco nero stesso. Parte della luce viene ripiegata dal campo gravitazionale e, solo dopo essere stata riflessa dal disco, riesce a fuggire. Lo studio è in uscita su ApJ ...

Vai all'articolo




ASI

Là dove il cosmo s’espande un po’ di più

Uno fra i pilastri della cosmologia è che, su distanze sufficientemente grandi, l’universo appare uguale in tutte le direzioni. È la cosiddetta isotropia. Analizzando oltre trecento ammassi di galassie con Chandra e Xmm-Newton, però, un team di astrofisici mette in dubbio questa uniformità: in alcune direzioni l’universo parrebbe espandersi a velocità diversa rispetto ad altre. Ne parliamo con uno dei coautori, Lorenzo Lovisari, da poco rientrato da Harvard per lavorare all’Inaf di Bologna ...

Vai all'articolo



Nana bruna sferzata da venti a oltre duemila km/h

Un team di astronomi ha usato il Very Large Array e il satellite infrarosso Spitzer della Nasa per compiere la prima misura della velocità del vento atmosferico di una nana bruna – un corpo celeste a metà fra un pianeta e una stella. Un metodo semplice e già utilizzato per pianeti come Giove, innovativa però la sua applicazione ad altri corpi celesti, e facilmente estendibile alle atmosfere esoplanetarie. Lo studio è pubblicato su Science ...

Vai all'articolo



Il buco nero che ripiega la luce

Un studio condotto da ricercatori del Caltech presenta la prima evidenza osservativa del fatto che non tutta la luce irradiata dal disco che circonda un buco nero riesce facilmente a scappare dal buco nero stesso. Parte della luce viene ripiegata dal campo gravitazionale e, solo dopo essere stata riflessa dal disco, riesce a fuggire. Lo studio è in uscita su ApJ ...

Vai all'articolo




INGV

Là dove il cosmo s’espande un po’ di più

Uno fra i pilastri della cosmologia è che, su distanze sufficientemente grandi, l’universo appare uguale in tutte le direzioni. È la cosiddetta isotropia. Analizzando oltre trecento ammassi di galassie con Chandra e Xmm-Newton, però, un team di astrofisici mette in dubbio questa uniformità: in alcune direzioni l’universo parrebbe espandersi a velocità diversa rispetto ad altre. Ne parliamo con uno dei coautori, Lorenzo Lovisari, da poco rientrato da Harvard per lavorare all’Inaf di Bologna ...

Vai all'articolo



Nana bruna sferzata da venti a oltre duemila km/h

Un team di astronomi ha usato il Very Large Array e il satellite infrarosso Spitzer della Nasa per compiere la prima misura della velocità del vento atmosferico di una nana bruna – un corpo celeste a metà fra un pianeta e una stella. Un metodo semplice e già utilizzato per pianeti come Giove, innovativa però la sua applicazione ad altri corpi celesti, e facilmente estendibile alle atmosfere esoplanetarie. Lo studio è pubblicato su Science ...

Vai all'articolo



Il buco nero che ripiega la luce

Un studio condotto da ricercatori del Caltech presenta la prima evidenza osservativa del fatto che non tutta la luce irradiata dal disco che circonda un buco nero riesce facilmente a scappare dal buco nero stesso. Parte della luce viene ripiegata dal campo gravitazionale e, solo dopo essere stata riflessa dal disco, riesce a fuggire. Lo studio è in uscita su ApJ ...

Vai all'articolo




INFN Tor Vergata

Tor Vergata news: Avviso di mobilit? per posti di cat. C, posizione economica C1, Area Amministrativa - Universit? di Udine

Scadenza prorogata al 15/05/2020 ...

Vai all'articolo



Tor Vergata news: Cordoglio di Tor Vergata per la scomparsa del Prof. Edoardo Valli

Tor Vergata news: Cordoglio di Tor Vergata per la scomparsa del Prof. Edoardo Valli


CNR

La pandemia ci divide, ma la scienza non smette di unirci

09/04/2020

Nell'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima (Cnr-Isac) sono stati attivati 3 gruppi di laboro (WG) interdisciplinari per fornire un contributo alla comprensione della diffusione della pandemia da Covid-19
WG1 – Air quality and Covid-19 
WG2 – Covid-19 transmission and aerosol in outdoor and indoor    
WG3 – Covid-19  and meteo-climatic variables

 ...

Vai all'articolo



Una potenziale arma contro il Covid-19 da un brevetto 'made in italy'

08/04/2020

l’Istituto di biofisica (Ibf – sezione di Milano) del Cnr è impegnato nella ricerca di un farmaco anti-Covid-19 insieme al Centro internazionale di ingegneria genetica e biotecnologia (Icgeb) di Trieste. I ricercatori Eloise Mastrangelo e Mario Milani del Cnr-Ibf di Milano sono attivi dal 2005 nella ricerca di antivirali e nel 2009 caratterizzano per la prima volta l'attività antivirale dell'antiparassitario ivermectina. Oggi tale farmaco viene riscoperto da alcuni ricercatori australiani come attivo contro il Covid-19 in vitro, e si potrebbe rivelare una nuova arma contro la pandemia

 ...

Vai all'articolo



Covid-19: il Cnr realizza attraverso OpenAIRE un unico punto di accesso ai risultati della ricerca

08/04/2020

Pubblicazioni, dati clinici ed epidemiologici, metodologie, software e altri prodotti della ricerca su Covid-19 e Sars-CoV-2 saranno rintracciabili da un unico punto e liberamente accessibili. Il Cnr, attraverso l’infrastruttura europea OpenAIRE, di cui è coordinatore tecnologico, mette a punto uno scientific gataway per raccogliere tutto il materiale scientifico rilevante. Un progetto voluto dalla Commissione Europea e sviluppato in sinergia con ELIXIR e RDA. In parallelo viene curata anche una comumnity in Zenodo per il deposito di inediti. Aperta una call for experts per il supporto

 ...

Vai all'articolo




CERN

La pandemia ci divide, ma la scienza non smette di unirci

09/04/2020

Nell'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima (Cnr-Isac) sono stati attivati 3 gruppi di laboro (WG) interdisciplinari per fornire un contributo alla comprensione della diffusione della pandemia da Covid-19
WG1 – Air quality and Covid-19 
WG2 – Covid-19 transmission and aerosol in outdoor and indoor    
WG3 – Covid-19  and meteo-climatic variables

 ...

Vai all'articolo



Una potenziale arma contro il Covid-19 da un brevetto 'made in italy'

08/04/2020

l’Istituto di biofisica (Ibf – sezione di Milano) del Cnr è impegnato nella ricerca di un farmaco anti-Covid-19 insieme al Centro internazionale di ingegneria genetica e biotecnologia (Icgeb) di Trieste. I ricercatori Eloise Mastrangelo e Mario Milani del Cnr-Ibf di Milano sono attivi dal 2005 nella ricerca di antivirali e nel 2009 caratterizzano per la prima volta l'attività antivirale dell'antiparassitario ivermectina. Oggi tale farmaco viene riscoperto da alcuni ricercatori australiani come attivo contro il Covid-19 in vitro, e si potrebbe rivelare una nuova arma contro la pandemia

 ...

Vai all'articolo



Covid-19: il Cnr realizza attraverso OpenAIRE un unico punto di accesso ai risultati della ricerca

08/04/2020

Pubblicazioni, dati clinici ed epidemiologici, metodologie, software e altri prodotti della ricerca su Covid-19 e Sars-CoV-2 saranno rintracciabili da un unico punto e liberamente accessibili. Il Cnr, attraverso l’infrastruttura europea OpenAIRE, di cui è coordinatore tecnologico, mette a punto uno scientific gataway per raccogliere tutto il materiale scientifico rilevante. Un progetto voluto dalla Commissione Europea e sviluppato in sinergia con ELIXIR e RDA. In parallelo viene curata anche una comumnity in Zenodo per il deposito di inediti. Aperta una call for experts per il supporto

 ...

Vai all'articolo



Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi