Balletto: “L’Origine”

Alina Bianchi Castagnari – coreografa

Creazione, coreografia e selezione musicale: Alina Bianchi Corpo di ballo della Fondazione Culturale Diffusione Danza: Benedetta Bugianesi,Francesca Bugianesi, Katia Donati, Federica Lavagna, Veronica Paccaloni, Agnese Pantaleone, Sara Stramucci
Costumi: Carlo Antinori
Musiche: Vangelis, Leonard Bernstein, George Michael
Diaporama: Maximilien Brice, Neil Mills, Karen Panman, Marilena Streit-Bianchi
Prima danza: Dal Caos alla Gravità. La materia nei suoi aspetti fondamentali, alla ricerca dell’integrazione della forza gravitazionale.
Seconda danza: Il Cantico delle Creature sublime espressione della meraviglia e rispetto del creato che segnò l’origine della lingua italiana.
Terza danza: La leggenda dell’Origine. In una giravolta di danze, suoni e colori, la rappresentazione dell’immaginario culturale dei Makonde e di un’arte africana che illumina l’uomo sulle sue origini.

Alina Bianchi Castagnari, nata a Roma, è stata l’allieva prediletta di Ja Ruskaia, fondatrice dell’Accademia Nazionale di Danza di Roma. Dopo anni di studio e specializzazione nell’insegnamento, ha lavorato sotto la guida di coreografi quali Licine, Urbani, Koner, Bortolin, Tompson, Osins, Heuser. La ricerca di tutti i tipi di espressione coreografica e l’ideazione di una nuova forma di pedagogia della danza le hanno valso l’apprezzamento di molti operatori e critici internazionali. Nel 1968 ha dato vita alla Fondazione Culturale per la Diffusione della Danza. Al Festival Nazionale della Danza di Fiuggi ha ottenuto la Menzione Speciale (1992) e la Medaglia d’Oro (1993) per le migliori coreografie. È attualmente Presidente della Federazione Italiana Danza, delegazione Regionale Marche nonchè Membro del Consiglio Superiore Nazionale della Danza. Nel 1995 ha conseguito il “Premio Città di Chianciano” per la Danza Contemporanea e la Medaglia d’Oro per la Danza Classica. Dal 2003 presiede la giuria del festival di Chianciano per la Danza Contemporanea. Dal 2008 è membro del Conseille International de la Danse- UNESCO. Come coreografa ha prodotto quarantaquattro balletti ed una innumerevole serie di suites coreografiche tra cui il balletto in tre tempi “L’Origine” ideato e realizzato appositamente per la Mostra.

Lettura di brani e poesie: “La poesia dell’Origine”

Lorella Morlotti – attrice

“Mistero” “Donne” “Ebano” “Catarsi” “Gratitudine” da “L’Origine” Beatrice Bressan, Loreleo Éditions “Il mito di Pygmalione” da “Metamorfosi X, 243-297”, Ovidio Trad. G. Faranda Villa
“La leggenda dell’origine del popolo Makonde del Mozambico” Pedro Guilherme Kulyumba, Loreleo Éditions

Lorella Morlotti, nata a Bergamo, si è laureata in Lettere e Filosofia indirizzo Spettacolo e frequentato dal 1989 al 1991 il Centro Stabile “Duse Studio” di Francesca De Sapio. Ha preso parte al gruppo di Scrittura Teatrale con Giuseppe Manfridi e Antonio Calenda e studiato sceneggiatura con Robert Mckee al Centro Sperimentale. Ha lavorato come attrice cinematografica dal 1980 al 1994 in: Sconcerto Rock; Favoriti e vincenti; Donne in un giorno di festa; Sposi; Magnificat; Segreti, segreti; Così parlò Bellavista. Realizzatrice di documentari e sceneggiatrice è anche produttrice cinematografica e di seat-com. Nel 2008 vince il premio miglior sceneggiatura al festival Cortopotere. con “Farfalle di carta”.

Concerto: “L’Origine e l’amore ”

Fosca Aquaro – soprano
Maria Di Pasquale – pianista

“Una voce poco fà” Cavatina dall’opera “Il barbiere di Siviglia”  Gioacchino Rossini. Libretto di Cesare Sterbini (Variazione buffa) “I sogni son desideri” da “Cenerentola” Mack David, Al Hoffman & Jerry Livingston
“Lascia che io pianga” Aria dall’ opera “Rinaldo” di George Friedrich Händel Libretto di Aaron Hill e Giacomo Rossi
Faceira” Ernesto Julio de Nazareth Valsa per pianoforte
“Quand la nuit n’est pas étoilée” (poema di Victor Hugo) Reynaldo Hahn
“À Chloris” (poema di Théohile de Viau) Reynaldo Hahn
“Le Printemps” (poema di Théodore de Banville) Reynaldo Hahn

Fosca Aquaro, nata a Taranto, ha partecipato all’età di otto anni al concorso canoro dello Zecchino d’oro. Dopo essersi diplomata al Liceo musicale G. Paisiello di Taranto, ha seguito corsi di stile e interpretazione a Milano e New York e lavorato per la RAI, RAI3, Canale 5 e Radio Montecarlo. Diplomata in Pedagogia musicale al Conservatorio HEM di Ginevra insegna da molti anni canto ad adulti e bambini. Ha seguito i corsi di musica barocca con Véronique Carrot e con Gabriel Garrido. Si è perfezionata con la soprano Renata Scotto ed ha studiato con Placido Domingo. Attualmente lavora nel coro del “Grand Théâtre” di Ginevra,dove nel 2001 ha creato un atelier corale per il programma pedagogico. Dal 1984 partecipa regolarmente a recital e concerti a solo e in duo (voce e piano)o in trio (voce, chitarra e viola) con un vasto repertorio dal classico al moderno.

Maria Di Pasquale, nata a Milano, si è diplomata in Pianoforte con A.Ferrari nel 1986 e in clavicembalo al Conservatorio di Milano nel 2001, studiando e perfezionandosi in Italia, e in Francia con G. Cziffra. Si è’ perfezionata in musica da camera con M. Sirbu, O. Dantone, C. Chiarappa, W. Sigrist, N. Brainin e L. de Barberiis e alla musica vocale da Camera con D. Uccello e A. Fidler (Graz – Austria). È’ stata interprete di prime assolute in Italia e altri paesi europei. Ha registrato per RADIORAI 3, Mediaset, TV Cultura e Radio Camara (Brasile), Radio Vaticana e HRT (Croatia) e inciso molti CD. Con il Trio Contrarco ha vinto nel 1992 il Rovere d’Oro Genova e Le Prix de Paris. Ha ideato e coordinato stagioni concertistiche per il comune di Milano, Montecatini, Chianciano. Ha tenuto corsi sull’interpretazione di Musica da Camera e Musica Vocale da Camera Italiana in varie Università in Brasile. È docente presso l’Accademia Internazionale di Musica di Milano. Collabora attualmente con la violinista brasiliana Tania Camargo Guarnieri e con il Trio Arcadia di Roma®. Suona stabilmente con Catia Capua in duo pianistico e in formazioni cameristiche come clavicembalista.

La mia vita è piena di donne, angeli muti che mi proteggono nell’indicibile.
Sono creature nate dagli alberi, che si danno pena nell’ineffabile di un’esistenza che scorre tra le luci del fiume.
“Donne” Beatrice Bressan

Scarica in formato PDF il programma delle attivita artistiche della mostra Origine (482 download)

Condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Twitter
  • Digg
  • Sphinn
  • Mixx
  • LinkedIn
  • MSN Reporter
  • MySpace
  • RSS
  • Technorati
  • Yahoo! Bookmarks
  • Print